MOCA: in vigore norme più severe per difendere la sicurezza degli alimenti PDF Stampa E-mail


 

MOCA: in vigore norme più severe per difendere la sicurezza degli alimenti
D. Lgs. 29/2017


Confartigianto ricorda alla imprese che dal 2 aprile 2017 è in vigore il Decreto legislativo n. 29/2017 che prevede sanzioni più severe per chi viola le norme, contenute nel Regolamento 1935/2004, sulla sicurezza di materiali e oggetti che entrano in contatto con gli alimenti, i cosiddetti MOCA.

Le misure specifiche prevedono che i materiali e gli oggetti MOCA siano corredati di una dichiarazione scritta che attesti la loro conformità alle norme vigenti (Conformità MOCA degli imballaggi).

Una documentazione appropriata deve essere disponibile per ogni singolo imballaggio, materiale, oggetto e deve essere a disposizione alle autorità competenti che la richiedano.

I produttori di MOCA – materiali, oggetti, parti di macchinari che entrano a contatto con alimenti - devono garantire una comunicazione adeguata  sull’impiego sicuro dei propri prodotti. Tale comunicazione deve essere indirizzata agli utilizzatori a valle nella catena degli approvvigionamenti per garantire l’uso corretto di materiali intermedi; deve anche contenere le istruzioni destinate ai consumatori, per informarli sull’uso sicuro e corretto degli oggetti, se necessario. Con l’art. 6 del D.Lgs 29/2017 è stato inoltre introdotto l’obbligo per i produttori di MOCA (ad esclusione quindi degli stabilimenti in cui si svolge l’attività di distribuzione al consumatore finale) di una comunicazione all’autorità sanitaria territorialmente competente degli stabilimenti posti sotto il proprio controllo che eseguono le attività di cui sopra.

Analogo obbligo è previsto per l'utilizzazione, in sede di produzione o commercio degli alimenti, di MOCA, che è subordinata all'accertamento della loro conformità alle norme vigenti nonché della idoneità tecnologica allo scopo cui sono destinati. Pertanto, l'impresa dovrà essere fornita della dichiarazione di conformità rilasciata dal produttore, ed essere sempre in grado di consentire all'autorità sanitaria di identificare il fornitore o il produttore dell'oggetto impiegato.

Nella dichiarazione devono essere riportate tutte le informazioni che devono essere analizzate e valutate dalle imprese del settore alimentare che si assumono la responsabilità di porre il materiale a contatto con l'alimento.

Si riporta a titolo di esempio una serie di elementi che possono essere presenti nelle dichiarazioni di conformità dei MOCA, affinché sia assicurata un'adeguata informazione, tra le parti interessate:

  1. identità ed indirizzo del produttore o dell'importatore;
  2. identità dell'azienda destinataria del documento;
  3. descrizione della tipologia ed identificazione del materiale a cui si riferisce;
  4. presenza di codice identificativo o numero della dichiarazione che consente di stabilire in modo univoco la relazione tra la dichiarazione ed i singoli lotti del medesimo materiale;
  5. la dichiarazione che i materiali rispettano le norme per la tutela della salute dei consumatori;
  6. informazioni pertinenti l'uso, ivi comprese le eventuali restrizioni (temperature, tempi di contatto, sostanze e ambienti, ecc.), le sostanze di composizione e soggette a limitazioni o restrizioni o agli additivi a doppio uso;
  7. tipologia di alimenti per i quali il materiale o l'oggetto è adeguato per essere destinato a venire a contatto;
  8. informazioni sull'impiego di biocidi di superficie;
  9. data di compilazione della dichiarazione;
  10. firma del responsabile della dichiarazione e la posizione che ricopre all'interno dell'azienda.


Per ulteriori informazioni vi invitiamo a contattare l’ufficio Alimentaristi di Confartigianato Imprese Mantova:
Erika Medau – tel. 0376/408778 int. 123 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Utiliziamo cookie propri e di terzi per offrire una migliore esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookies and Privacy policy Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito