Menu Principale




RAEE: in arrivo la rivoluzione “Open scope” PDF Stampa E-mail

 

 

RAEE: in arrivo la rivoluzione “Open scope”

Facciamo chiarezza per installatori e manutentori di impianti




Conto alla rovescia per il nuovo regime di classificazione dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche Elettroniche): il 15 agosto 2018 sarà, infatti una data importante per tutti i PRODUTTORI di apparecchiature elettriche elettroniche con l’entrata in vigore della seconda fase del Decreto 49/2014, cosiddetto “Campo aperto” (noto anche come “open scope”).


Ne deriva che saranno qualificati, a fine vita, RAEE, tutta una serie di prodotti prima non considerati tali, come, ad esempio: cablaggi, chiavette usb, spine, morsettiere, prolunghe, contatori gas, citofoni, inverter, alimentatori, trasformatori, gruppi di continuità, impianti di sicurezza e videosorveglianza. In allegato 1 è disponibile una breve guida - elaborata dal Ministero dell’Ambiente - in ordine proprio all'estensione del campo di applicazione.

 

Relativamente, infine, all'inclusione di prodotti nel campo di applicazione della norma, il discrimine riguarda, come previsto dal legislatore, la tipologia d’uso dell'energia elettrica: se essa viene utilizzata per le mere funzioni di supporto o di controllo, la relativa apparecchiatura non rientra nella definizione di AEE di cui all’art. 4 del d.lgs. 49/2014. Le apparecchiature che non necessitano di energia elettrica per svolgere la loro funzione di base, ma richiedono solo, ad esempio, una scintilla per l’avvio della combustione, non sono, quindi, a fine vita, dei RAEE. Si pensi alle caldaie a gas, ma anche alle stufe a pellet.
Queste ultime, in particolare, sono da considerarsi al di fuori del campo di applicazione giacché le candelette di cui sono dotate funzionano limitatamente all'innesco della combustione nel braciere e non sono quindi attive continuativamente.

Precisiamo che la norma interessa solo ed esclusivamente i produttori di apparecchiature elettriche elettroniche, e non interessa gli installatori e manutentori delle suddette apparecchiature; per questi ultimi rimane fondamentale gestire nella maniera corretta tutti i rifiuti speciali compresi i RAEE, sia a livello di trasporto che di smaltimento.
Inoltre gli installatori e i centri di assistenza tecnica non iscritti alla CCIAA per attività di vendita non sono obbligati al ritiro gratuito dell’apparecchiatura usata.


Confartigianato Imprese Mantova ha stipulato una specifica convenzione a livello locale, in modo da offrire alle imprese associate la possibilità di usufruire di sconti vantaggiosi e trattamenti privilegiati, in particolare per lo smaltimento di condizionatori vuoti o pieni di F-GAS piuttosto che per lo smaltimento singolo di F-GAS.

Gli uffici Ambiente e Categorie sono a completa disposizione per ulteriori informazioni o richiesta di chiarimenti:

  • Ambiente = Stefano Tassellari, tel. 0376 408778 (int. 111)
  • Categorie = Carlo Gandini, tel. 0376 408778 (int. 113)

 

 

 

Utiliziamo cookie propri e di terzi per offrire una migliore esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookies and Privacy policy Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito