Menu Principale




Decreto del Mi.Se del 25 marzo: modificato l’elenco delle attivita’ consentite PDF Stampa E-mail

 

 

Decreto del Mi.Se del 25 marzo: modificato l’elenco delle attività consentite



A seguito del confronto tra il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, il Ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri e le sigle sindacali nazionali, si sono convenute alcune modifiche all’allegato 1 del DPCM del 22 marzo 2020, recepite e rese operative dal Decreto Mise del 25 marzo 2020 e dal relativo allegato.

Le imprese che non erano state sospese dal DPCM 22 marzo e che in forza delle ulteriori disposizioni restrittive dovranno sospendere la propria attività, dovranno ultimare le attività necessarie alla sospensione (inclusa spedizione merce in giacenza) entro la giornata del 28 marzo.

 

DECRETO-LEGGE 25 marzo 2020, n. 19

 


SOSPESE e completano le attività entro il 28 marzo 2020, compresa la spedizione della merce in giacenza:

  • 13.94: Fabbricazione di spago, corde, funi e reti
  • 22.1: Fabbricazione di articoli in gomma
  • 28.3: Fabbricazione di macchine per l’agricoltura e la silvicoltura
  • 28.93: Fabbricazione di macchine per l’industria alimentare, delle bevande e del tabacco


LIMITATE:

  • 17: Fabbricazione di carta ad esclusione dei codici 17.23 e 17.24
  • 20: Fabbricazione di prodotti chimici ad esclusione dei codici 20.12, 20.51.01, 20.51.02, 20.59.50, 20.59.60
  • 22.2: Fabbricazione di articoli in materie plastiche ad esclusione dei codici 22.29.01, e 22.29.02
  • 33: Riparazione e manutenzione installazione di macchine e apparecchiature ad esclusione dei codici 33.11.01, 33.11.02, 33.11.03, 33.11.04, 33.11.05, 33.11.07, 33.11.09, 33.12.92, 33.16, 33.17
  • 42: Ingegneria civile ad esclusione dei seguenti codici 42.91, 42.99.09, 42.99.10


CONSENTITE (senza necessità di comunicazione alcuna):

  • 23.13: Fabbricazione di vetro cavo
  • 25.21: Fabbricazione di radiatori e contenitori in metallo per caldaie per riscaldamento centrale
  • 25.29: Fabbricazione di imballaggi leggeri in metallo
  • 27.2: Fabbricazione di batterie di pile e di accumulatori elettrici
  • 28.29.30: Fabbricazione di macchine automatiche per la dosatura, la confezione e per l’imballaggio


Infine:

  • le Attività delle agenzie di lavoro temporaneo (interinale) sono consentite nei limiti in cui siano espletate in relazione alle attività consentite dal dpcm 11 marzo 2020 e dpcm 22 marzo 2020, come modificato.
  • le “Attività e altri servizi di sostegno alle imprese” (codice ATECO 82.99.99) sono consentite limitatamente all’attività relativa alle consegne a domicilio di prodotti
  • le Attività dei call center sono consentite limitatamente alla attività specificate nel decreto in parola

 

 

Si ricorda inoltre che il DPCM del 22 marzo ha posto ulteriori disposizioni per il contenimento del contagio, valevoli dal 23 marzo al 3 aprile:

  • Sospensione di tutte le attività produttive (ma consentito il lavoro distanza/agile) e commerciali, salve le eccezioni specificate nell’Allegato 1 del DPCM 22 marzo (contiene i codici ATECO delle attività che possono continuare).
  • Restano valide per le attività commerciali, le lavanderie e le pompe funebri, le prescrizioni ex DPCM 11 marzo (vedi allegato) ed ordinanza del ministero della salute del 20 marzo.
  • Possono rimanere aperte le imprese (escluse dall'Allegato 1 del DPCM 22 marzo) se connesse alle attività produttive che possono rimanere aperte, PREVIA COMUNICAZIONE AL PREFETTO in cui si indicano i rapporti che li legano.
  • Continua l’attività di produzione, trasporto, commercio e consegna farmaci, dispositivi sanitari, prodotto agricoli e alimentari; così come le attività volte a fronteggiare l’emergenza.
  • Continuano le attività degli impianti a ciclo produttivo continuo, se l’interruzione comporterebbe grave pregiudizio all’impianto o pericoli, PREVIA COMUNICAZIONE AL PREFETTO.
  • Continuano le attività professionali, con gli accorgimenti nella gestione del personale e della sicurezza già previsti.
  • Tutte le imprese che restano attive devono rispettare il protocollo di contrasto del covid-19 del 14 marzo.

 

 

Utiliziamo cookie propri e di terzi per offrire una migliore esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookies and Privacy policy Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito