Menu Principale




Decreto Liquidità: possibilità di finanziamenti fino a 25.000 euro con garanzia al 100% PDF Stampa E-mail

 

 

Decreto Liquidità: possibilità di finanziamenti fino a 25.000 euro con garanzia al 100%



In questo momento di enorme difficoltà è importante per le imprese conoscere e sfruttare ogni opportunità per mantenere la liquidità e salvaguardare l'attività.

Il Decreto Liquidità (art. 13 sub 1M) ha dato la possibilità alle imprese di usufruire di finanziamenti sino a € 25.000,00 che possono beneficiare di una garanzia pari al 100% da parte del Fondo Centrale.

 


COSA SONO

Si tratta di finanziamenti bancari (cioè "prestiti" fatti con la tua Banca), con la differenza che grazie alle misure introdotte dal Decreto Liquidità, questi finanziamenti possono essere garantiti sino al 100% dell'importo concesso dal Fondo Centrale di Garanzia (Stato).



A CHI SONO RIVOLTI

Sono richiedibili da micro, piccole e medie imprese (che non abbiano esposizioni "a sofferenza") e dai "liberi professionisti" (che non abbiano esposizioni a sofferenza).



CARATTERISTICHE

L'importo massimo richiedibile è pari al 25% dei ricavi e comunque per un importo massimo di € 25.000,00.

(Per calcolare il 25% dei ricavi fanno fede l'ultima dichiarazione fiscale presentata o bilancio depositato. Per le aziende costituite dopo il 01/01/2019, si fa riferimento al 25% dei ricavi registrati nel 2019 come da autocertificazione ex art. 47 DPR445/2000 o altra idonea documentazione.)

La durata massima del finanziamento è di 72 mesi.

Il preammortamento minimo è di 24 mesi (pagamento della sola quota interessi per i primi 24 mesi, pagamento dell`intera rata, ossia capitale e interessi, dal 25esimo mese).

 


QUALI DOCUMENTI SERVONO

  • Modulo di richiesta finanziamento della Banca ed eventuali altri moduli richiesti dalla Banca (da richiedere al tuo Istituto di Credito e da compilare)
  • Allegato 4-bis, documento da compilare che la Banca utilizzerà per la richiesta di garanzia 100% (riportato di seguito).
  • Ultimo bilancio depositato oppure ultima dichiarazione redditi inviata
  • Bilancio 2019
  • Documenti identità e codice fiscale (titolare/soci)

Rimane inoltre facoltà dell'Istituto richiedere ulteriore documentazione, come ad esempio:

  • Elenco affidamenti/finanziamenti in essere
  • Situazione immobiliare

Restano possibili differenti interpretazioni o discrezionalità da parte degli Istituti di credito nell'implementazione e regolamentazione dei singoli interventi, così come nella richiesta dei documenti.

 


COSA FARE

  1. Per prima cosa ti consigliamo di contattare il tuo Istituto di credito per far presente la tua necessità.
  2. La Banca ti indicherà quali documenti sono da compilare e ti comunicherà la necessità di compilare di altri moduli, diversi per ogni banca, oltre all'Allegato 4-bis.
  3. La pratica va quindi consegnata alla tua Banca (tante Banche stanno prediligendo una gestione da remoto delle richieste, e chiedono di inviare la documentazione tramite mail congiuntamente ad un documento di identità).
  4. Se è stata consegnata tutta la documentazione richiesta, l`istituto potrà prendere in carico la richiesta e te ne darà comunicazione. Le tempistiche di risposta, vista la situazione di emergenza, dipendono dal numero di pratiche totali presentate.

 

 

 

Utiliziamo cookie propri e di terzi per offrire una migliore esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookies and Privacy policy Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito