Menu Principale




Studi di settore e versamenti fiscali PDF Stampa E-mail

Imprenditori confusi e preoccupati per i versamenti fiscali.


R.ETE. Imprese Italia, con un comunicato, rileva che nonostante la proroga dei termini per i pagamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, la prima scadenza del 9 luglio, senza maggiorazione dello 0,4 per cento, è avvenuta all'insegna della massima incertezza.
Ad oggi, infatti, manca la circolare esplicativa delle modifiche apportate agli studi di settore applicabili per il 2011 ma, ancor più, dopo il tardivo rilascio del programma di calcolo GERICO 2012, avvenuto il 18 giugno scorso, sono già due le versioni aggiornate del programma, l'ultima delle quali del 5 luglio, a ridosso del primo versamento.


I continui cambiamenti costringono gli operatori che assistono le imprese ad una ripetizione del lavoro, creando incertezze tra di loro e tra gli imprenditori ai quali vengono comunicati risultati differenti dell'applicazione di GERICO. Questo clima di incertezza e il limitato tempo a disposizione per assumere le decisioni rischia, in molti casi, di incidere negativamente sulla qualità del risultato.
Quando la pressione fiscale e il carico di adempimenti tributari raggiungono livelli insostenibili, fornire in modo tempestivo a chi assiste i contribuenti gli strumenti ed i chiarimenti necessari diviene un valore ancora più fondamentale.
E' necessario che l'Amministrazione finanziaria offra ai contribuenti gli strumenti per assolvere ai propri obblighi nei tempi convenuti, nel rispetto dello Statuto del contribuente, ed evitando continue proroghe.
Gli errori commessi nella compilazione e nell'elaborazione dei modelli degli studi di settore, frutto dell'incertezza, dovranno essere valutati attentamente prima di procedere nell'irrogazione di sanzioni

 

Utiliziamo cookie propri e di terzi per offrire una migliore esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookies and Privacy policy Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito