Menu Principale




Crediti nei confronti dalla Pubblica Amministrazione PDF Stampa E-mail

 

Per far fronte al problema dei ritardi dei pagamenti della Pubblica Amministrazione e a seguito dell’impegno di Confartigianato concretizzatosi con la firma del protocollo con ABI per la costituzione del fondo “Crediti PA” (10 miliardi di euro), i decreti ministeriali del 22 maggio e del 25 giugno 2012 hanno finalmente chiarito le modalità di certificazione del credito delle imprese nei confronti della PA (amministrazioni dello Stato, enti pubblici nazionali, regioni, enti locali ed enti del Servizio sanitario nazionale).

Tutti i passi utili allo scopo di ottenerne il riconoscimento, la certificazione e la liquidazione del relativo credito:

1) La certificazione deve esser richiesta dall’impresa titolare con la presentazione all’amministrazione o all’ente debitore dell’istanza di certificazione del credito.
La documentazione utile è stata predisposta dal Ministero sul proprio sito: http://www.tesoro.it/certificazionecrediti/index.asp, dove è possibile reperire i testi dei decreti, gli allegati necessari per inoltrare le richieste di certificazione e tutte le informazioni utili.
Inoltre, è a disposizione una casella e-mail per richiedere informazioni Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


2)
L’ente debitore (PA), entro 60 giorni (30 nel caso di crediti vantati verso regioni, enti locali ed enti del Servizio sanitario nazionale) dalla ricezione dell’istanza, certifica che il credito è certo, liquido ed esigibile o ne rileva l’insussistenza o l’inesigibilità, anche parziale.


3)
Una volta certificato il credito l’impresa può: cedere il credito a banche o intermediari finanziari abilitati.

  • A questo proposito è stato raggiunto nei mesi scorsi un accordo tra l’Associazione Bancaria Italiana e Confartigianato per l’istituzione di un plafond di risorse (di ammontare minimo pari a 10 miliardi di euro) dedicato allo smobilizzo dei crediti delle imprese verso la PA con condizioni particolarmente vantaggiose.
  • compensare i crediti con debiti verso la pubblica amministrazione.
    In questo caso i titolari dei crediti certificati possono utilizzarli per il pagamento totale o parziale delle somme dovute per:
    - cartelle di pagamento e atti per tributi erariali, regionali e locali;
    - contributi assistenziali e previdenziali
    - premi per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali
 

Utiliziamo cookie propri e di terzi per offrire una migliore esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookies and Privacy policy Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito