Menu Principale




Crediti insoluti, è ancora emergenza PDF Stampa E-mail


CREDITI INSOLUTI, E' ANCORA EMERGENZA


La legge sui tempi di pagamento in vigore dall’1 gennaio 2013 stenta ad essere rispettata dai committenti pubblici e privati. Lo confermano le segnalazioni di artigiani e piccoli imprenditori all’Osservatorio attivato il 31 gennaio 2013 da Confartigianato.

Secondo i dati raccolti soltanto il 13,4% degli imprenditori rileva che i tempi di pagamento della Pubblica amministrazione si sono accorciati, mentre il 68,7% li considera invariati e il 17,9% segnala che si sono addirittura allungati.

«Purtroppo, lo dicono i numeri e le segnalazioni dei colleghi, il fenomeno dei ritardati pagamenti si è aggravato nelle transazioni commerciali tra privati, dove si concentra l’87,5% dei crediti insoluti a danno degli artigiani», spiega il Presidente di Confartigianato Imprese Mantova Lorenzo Capelli. Il 36,6% dei piccoli imprenditori dichiara che i tempi di pagamento dei privati si sono effettivamente allungati, a fronte del 50% che non ha rilevato cambiamenti, mentre solo il 13,9 % segnala una diminuzione dei tempi per veder saldate le fatture.

Dall’Osservatorio emerge poi che oltre il 50% dei debiti della Pubblica Amministrazione verso le piccole imprese è fatto da crediti di modesta entità, fino a 2.000 euro, e soltanto il 3,6% dei crediti supera i 50.000 euro, a dimostrazione della complessità amministrativa e farraginosità delle procedure.

Il dato cambia nei crediti verso altre imprese private: la quota di debiti fino a 2.000 euro riguarda il 22,3% delle imprese creditrici, mentre i debiti fino a 50.000 euro riguarda il 25% degli imprenditori.

«Era difficile attendersi dati diversi da quelli rilevati. A 8 mesi dall’entrata in vigore – commenta ancora il Presidente Capelli - l’applicazione delle nuove norme in Italia risulta ancora scarsa e, addirittura, il fenomeno dei crediti insoluti è peggiorato nei rapporti tra privati».

 

Utiliziamo cookie propri e di terzi per offrire una migliore esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookies and Privacy policy Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito