Menu Principale




Autotrasporto: ancora nessuna certezza sulle deduzioni forfetarie PDF Stampa E-mail

 

 

AUTOTRASPORTO: ANCORA NESSUNA CERTEZZA
SULLE DEDUZIONI FORFETARIE


Mantova, 22/06/2015. Confartigianato Trasporti Mantova informa che il Ministero dell’Economia e delle finanze e l’Agenzia delle Entrate non hanno ancora provveduto a quantificare gli importi delle deduzioni forfetarie di spese non documentate; nessuna certezza anche sul riconoscimento, per il 2015, del credito d'imposta spettante per il SSN sui premi di assicurazione versati nel 2014. Il ritardo rende difficoltoso il rispetto della scadenza per il versamento delle imposte, già posticipata al 6 luglio 2015.

Il decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, emanato di concerto con il Ministero dell’Economia e delle finanze (registrato in data 29 aprile 2015), pur rinviando ad un successivo atto la quantificazione degli importi delle singole agevolazioni, prende atto del verbale di intesa siglato il 27 gennaio 2015 dal Governo con le Associazioni di categoria dell’autotrasporto, nel quale veniva affermato che per il triennio 2014/2016 la deduzione forfetaria sarebbe stata garantita per gli stessi importi del 2013. Con ogni probabilità la ragione del ritardo dell’Agenzia delle Entrate, nel diffondere il consueto comunicato stampa con l’indicazione dell’ammontare delle deduzioni forfetarie da considerare in sede di UNICO 2015 (redditi 2014), va ricercata nella sussistenza di problemi di stanziamento complessivamente destinati al settore dell’autotrasporto.

Al riguardo Confartigianato Trasporti ha ripetutamente sollecitato il Ministero delle Infrastrutture affinché si arrivi ad una rapida soluzione del problema e, soprattutto, al rispetto del verbale a suo tempo firmato. Inoltre, Confartigianato Trasporti si è attivata più volte presso il MEF e l’Agenzia per rappresentare la necessità di una comunicazione tempestiva degli importi e per segnalare che il ritardo della comunicazione del dato rende difficoltoso anche il rispetto della nuova scadenza per i versamenti, già prorogata al 6 luglio. Per questa sera (martedì 23 giugno) è programmato un incontro fra il Governo e le categorie dell’autotrasporto che Confartigianato auspica possa sbloccare la situazione.

 

Utiliziamo cookie propri e di terzi per offrire una migliore esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito, acconsenti all'utilizzo di cookie descritti nella nostra Cookies and Privacy policy Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito